Protocollo aree verdi

Partiamo dallo scorso 7 Agosto quando, in sede di Giunta Capitolina, è stato approvato il Protocollo d’Intesa tra Roma Capitale e Retake Roma per il miglioramento del decoro urbano nella città di Roma, avviando la prima collaborazione con l’Ufficio Coordinamento Decoro Urbano. Qui il trafiletto ufficiale: https://bit.ly/3446y8w
La Delibera 161/20 lega l’articolo 118 della Costituzione (principio di sussidiarietà) con il mondo del volontariato per lo svolgimento di attività di interesse generale, citando alcuni precedenti progetti e traguardi raggiunti con Retake Roma, quali gli eventi alla Metro San Paolo e il protocollo d’intesa con AMA S.p.a., ormai attivo da diversi anni. In tal senso l’Associazione è apripista per futuri accordi con altri attori del mondo del volontariato, e rinnova l’impegno a costruire una rete di collaborazione – nel senso della co-progettazione e della condivisione di intenti – con le Istituzioni cittadine in tema di rigenerazione e di riappropriazione urbana.
Considerato che una parte significativa dei progetti dell’Associazione riguardano la tutela dell’ambiente cittadino, con i suoi parchi urbani e le aree verdi di ogni tipo, si è pensato di rafforzare ancor di più la collaborazione, lavorando per oltre un anno a uno specifico disciplinare attuativo, pensato in sinergia col Dipartimento Tutela Ambientale; da qui è disceso il documento firmato l’11 Dicembre da Francesca Elisa Leonelli per Retake Roma e Nicola de Bernardini, dirigente del Dipartimento Ambiente, con la presenza dell’Assessore Laura Fiorini e di Paola Carra di Retake Roma: tale disciplinare dettaglia e valorizza le attività svolte dai volontari all’interno delle aree verdi dipartimentali e apre un importante fase di co-progettazione per alcuni luoghi, simbolicamente scelti come punto di nuovo incontro tra Amministrazione e cittadini.
Il Disciplinare offre all’Associazione un’”autorizzazione quadro” a fronte delle attività correnti all’interno delle aree verdi dipartimentali (come previsto dalla Delibera di Giunta 66/2017) https://bit.ly/3neHfrZ in modo da velocizzare i tempi di richiesta per i permessi e supportare le azioni di cura dei volontari; inoltre permette di formulare richieste di assistenza su alcune aree di competenza del Comune di Roma ancorché non consegnate al Dipartimento, in primis per meglio veicolare le attività di raccolta degli sfalci e delle potature del verde derivanti.
La sezione più innovativa del Disciplinare riguarda poi i veri e propri progetti condivisi di riqualificazione dove le parti concordano tempi e modi per intervenire in una certa area verde; il disciplinare prevede fino a 6 progetti all’anno. La fase sperimentale si è completata nel mese di Luglio con un evento co-progettato nell’VIII Municipio, a Piazza Lotto, dando prova concreta della possibilità di un’amministrazione condivisa di aree verdi, a partire dal coinvolgimento e sensibilizzazione dei cittadini, i protagonisti quotidiani di ogni bene pubblico.
A suggello dell’accordo i firmatari hanno piantato nel Parco di San Sisto, sede storica del Servizio Giardini del Comune di Roma, un esemplare di Quercus Ilex, della famiglia dei lecci.

Roma 16/12/2020